Hot!

Senza parole

"Io cambio lavoro come cambiano le stagioni".Questa frase non è mia,l´ho sentita una volta in un film,non ricordo quale e mi piacque molto sembrava che me l´abbiano cucito addosso. Questa rubrica "lavoro" non vuole offendere nessuno,nè tantomeno offendere i tedeschi,ma è solamente un modo con cui io faccio ironia su quello che mi è successo in Germania nel campo del lavoro (gastronomia). Cosa mi è successo oggi? Continua a leggere.

 Otto ore senza mangiare senza una pausa,sta scritto in qualche posto,e magari io non l´ho mai visto?Sono entrata al lavoro alle nove puntuale,anzi ho dovuto aspettarlo perche´ e´ arrivato cinque minuti in ritardo alla faccia che stiamo in Germania e della puntualita´ ,ops ma lui e´ francese.
Grembiule,cappello e al lavoro.
Benvenuti nella cronoca diretta  di cio´ che ho fatto oggi. 
Passare al microonde tutte le verdure,strizzarle a mano,levare quasi la meta´ dell´acqua. Facile a dirlo,ma faticoso strizzare con le mani e pesare  per controllare se tutta l´acqua era tolta a dovere.
Preparare la miscela per queste torte,non avevo mai viste uova in busta e chissa´ che altra diavoleria dentro ci sono di conservanti,vabbe´ questa e´ un altra storia che non mi interessa.Ah prima di andare avanti mi sono guardata intorno N.E.S.S.U.N.O eppure quando sono andata a fare il colloquio c´erano due ragazze, dove sono finite?Pensavo che arrivassero magari dopo ,niente neanche l´ombra. Quindi preparazione della miscela ,e fare 35 cerchi con il mattarello, spiana qua spiana la´ mi sento le braccia come quelle mani di gelatina che usciavamo nelle patatine Pai ( di quelli che li prendi  e li spiccichi al muro.)

11:30 nel mentre arriva gente, anche piu´ del solito mi dice lui, che culo! Mi chiede aiuto, ok lascio la pasta ,nel mentre inforno le torte e metto al freddo quelle gia´ pronte e nel mentre gli affetto il pomodoro, eh si anche un po´ di insalata, sai che fai prepara i piatti e li servi. Insalata piu´ torta e vai a quel tavolo,e all´altro e a quell´altro. Due ore cosi´ fino a quando la gente mangiava,beveva,pagava e uscita. Nel frattempo mi ha chiesto se volevo fare una pausa, gli ho detto di no, c´era un casino di gente,mi sono detta probabilmente mi rimandera´ la pausa. Ok quindi finito di mettere nei piatti,con i piedi aprire lo sportello del forno, con la coda dell´occhio controllare se non bruciavano e mi mancava il mestolo in bocca per condire con yogurt l´insalata. Ok finito questo,vado ad ultimare le mie spianate con il mattarello, ho pensato tantissimo la nostra amica Ely che scrive che le piace avere le mani tra la farina, ARGHHHH...dillo a me oggi!

Gia´ sentivo i muscoli del braccio indolenziti,facevano fatica a spianare,io non facevo pausa e lo stomaco ribolliva insieme alla vescica che reclamava, mi ha affiancato un litro di acqua che ho finito sara´ stata fame,sete,nervoso,voglia di spiccicarlo al muro,non so.
Ok tutto a posto,torte pronte,esci quelle cotte dal forno,metti quelle a cuocere,et voila´.Adesso putzen, mortacci tua,mi sono girata e´ ho visto il lavello che era stracolmo di piatti,stoviglie,vassoi, imbuti,brocche,e piu´ ne ha ne metta.Gia´ ero stremata,ma non bisogna lamentarsi,il lavoro nobilita l´uomo,chi cazzo ha inventato questa frase,che oggi l´uccido. Nel mentre diminuivano pian piano, mi dicevo a denti stretti dai Wanesia so gli ultimi pezzi, ce la fai, i piedi ti fanno male, non badare,hai fame non badare,tra poco finisci.
 
Alle 16.00 arriva un tizio che porta dei scatoloni da un catering che avevano avuto fuori suppongo, ma cosa ci sara´ mai dentro questi scatoloni? 50 vassoi,forchette e coltelli e ciotoline. Ho storto il naso,e´ gia´ il sangue ribolliva,potevo farci i sanguinacci, il cervello stava esplodendo. Mi dice di lavare tutto quanto!
Silenziosamente con le lacrime che trattenevo a fatica dal nervoso, ho lavato tutto.

Finalmente le 17.00 mi chiede come va,gli ho detto che ero stanca e che questo lavoro non mi piaceva per niente, perche´ ero da sola e non riuscivo a tenere questo ritmo. E comunque grazie dell´opportunita´ della giornata di prova che mi ha dato.
Bitte!Solo un miserabile "bitte". In Italia la giornata di prova te la pagano, anche se poi non ritorni , qui per legge la giornata di prova non viene pagata. Adesso sfigo chiunque a scrivere che questo non l´ha fatto apposta,questo stronzo mi ha fatto lavorare piu´ del dovuto,l´unica soddisfazione perche´ devo perforza trovare qualcosa di positivo mentre ho male alla schiena e che ho capito ,mi sono accorta che riesco a capire il tedesco a parte un paio di sbagli.(sigh)
Esco di la´ non riuscivo a camminare,la vista annebiata nervoso da morire e volevo gridare al mondo Scheiße.E finalmente mi diriggo verso casa.
̈ωαηeSìα ̈♡♡

12 cool comments:

  1. ma che bit..... di st.....o! e che cavolo!!!! ma avevo capito che tu lavorassi già, ho capito sbagliato? e la Ely della farina sono io? :-) mettere le mani in pasta per passione e diverso che farlo per dovere :-))) un bacione e cerca di riposarti! Ely

    RispondiElimina
  2. Ma come!!!!! Sono basita! Ma tu guarda che gran s.!!! Peccato (a posteriori) che tu non l'abbia piantato in asso invece di finire correttamente il turno, avrebbe dovuto pagarti almeno per essere rimasta tutto il santo giorno! Avevo capito anche io che si trattasse di una sorta di bistro o pasticceria, ma mica che saresti stata en tete a tete col proprietario sfruttatore. La prossima volta che lo incroci un bel "merde", ok? Uno così meglio perderlo che trovarlo.... e al prossimo Probetag non può andare che meglio ;-)

    RispondiElimina
  3. Mh... oh cielo O__O
    Ma come non si paga la prova?
    Io tra un lavoretto del cavolo e l'altro, la paga l'ho sempre chiesta e avuta. Hai prestato servizio, mica stavi giocando... é tuo diritto!!
    Non ci credo, ti prego dimmi che non é vero!!!!
    (ora vado a cercare il post dove ti chiedo e mi rispondi sulla scuola, perché non ricordo piú qual'é e ci sono stati commenti dpo percui nella lista qui accanto non lo vedo :P )

    RispondiElimina
  4. mi dispiace è evidente che se ne è approfittato.. hai pensato di valutare un pò di + o hai chiuso? sono contenta però che ti senti + sicura con il tedesco.

    RispondiElimina
  5. vedo che mi hai infilato nel blogroll delle Bloggers italiane all'estero :) danke!

    RispondiElimina
  6. Grazie infinite per i vostri commenti, oggi mi sento come se mi fosse passato un camion sul corpo e le braccia quelle indolenzitissime,passera´
    @Ely
    mi sei venutain mente,ma stavo scherzando ovviamente :D
    @Helga
    a dire il vero anche mio marito mi ha detto,ma perche´ non sei andata via prima?Non lo so, o lo so cerco sempre di lasciare un buon ricordo,nel senso che non puo´ dire che mi sono tolta il grembiule e l´ho lasciato in asso,sapevo della giornata di prova che qui non viene pagata,ma onestamente ieri per quanto ho lavorato credevo che mi pagava ^^
    @Kisal
    e´ vero eccome.Ho lavorato presso italiani e loro ti pagano sempre la giornata di prova i tedeschi no. Adesso mi chiedo, ma queste giornate di prova sono anche lavoro in nero, e magari quando hanno una mole di lavoro extra mettono un annuncio che cercano personale tanto le prove non le pagano....Il trucco ce´ sempre,ti parlo di gastronomia ovviamente!
    Certo che sei nel club delle espratriate ^^
    @Twins
    che dovevo valutare?Gli ho detto che per me da sola tenere quel ritmo ogni giorno era massacrante,lui non ha fatto una grinza...per cui era evidente il lavoro e´ questo !

    RispondiElimina
  7. Ahhhh ecco... ho sempre lavorato per italiani, quí, e dunque sempre fortunata. Parlo anche io di gastronomia, ovviamente :)
    Non é una cosa che concepisco comunque perché non é che se sei tedesco e/o lavori per un tedesco non hai prestato il tuo servizio... é paradossale e incredibile O_o
    Forse le due colleghe non sono rimaste lí per il medesimo motivo tuo... e, sicuramente, anche io avrei finito la giornata. Per poi sentirmi in pieno diritto di dire MAVACCAGHER tu, le tue paste e i tuoi biccheri inscatolati da lavare U_U

    RispondiElimina
  8. alla faccia dei ritmi, mamma mia...e alla faccia dle Bitte finale direi...

    RispondiElimina
  9. Uhm, posso dare la mia modestissima opinione? Secondo me ti é sembrato tanto perché non eri pratica. Se poi ti organizzi, probabilmente le cose le fai con meno fatica e prima. Il catering non ci sará tutti i giorni e, perché non hai fatto la pausa? (lui te l'aveva chiesto e se avessi detto di sí sarebbe stata una cosa normale). Insomma, sei sicura che il posto non va bene? Pensaci a mente fredda.

    P.S.: Prove di lavoro pagate in italia? ma quando?

    RispondiElimina
  10. @Grissino
    Probabilmente questi mesi invernali a casa mi hanno irrigidito,pero´ sai Griss non sono una novellina, ho sempre lavorato in questo campo e l´ultimo lavoro in Italia ero capo sala e mi chiamavo io gli extra per lavorare i we, e sai queste persone come venivano sfruttate,ovvio c´era tanto di quel lavoro io ti chiamo ti pago bene e tu lavori tanto quanto dico io.
    Il tipo in questione e´ un pezzo di merda adesso a mente lucida,lo sottolineo, perche´ mentre lavavo tutte quelle merdaccie mi ha buttato dentro una ciotola con dell´insalata, se ero in Italia gli davo del cafone e oggi sarei stata all´Ispettorato del lavoro.Qui mi toicca non dire niente, perche´ questa lingua del cazzo mi impedisce di dire quello che penso,per come la penso.Sfido io,che quello che ho fatton ieri non era neanche un lavoro per un uomo.
    PS:In gastronomia le prove si pagano!

    RispondiElimina
  11. Assolutamente sí che si pagano le prove O__O
    Oddio, é lavoro... poi magari avendo solo l'esperienza della gastronomia non ho visto tutto dalla vita, ma mi sembra ovvio e normale che a servizio "prestato" tu mi paghi, lo troverei calzante in qualsiasi contesto, cavoli!
    Ci sono periodi di prova che durano anche un mese, 15 giorni... e che fai nel frattempo? non magni perché loro ti stanno solo valutando?? non ci credo, inaccettabile!
    E poi la questione della pausa é una bella furbata.
    Non si chiede "vuoi fare pausa?" perché magari becchi quello che parte dal presupposto che si prende quello che gli dai e anche di piú e dice subito SI, ma magari uno che é zelante e vuole marciare veloce nel primo giorno di lavoro eviterá di fermarsi per far quadrare i tempi e a quel punto sei tu principale che ne stai approfittando.
    La pausa per mangiare, sempre in gastronomia, va fatta ogni 4 ore. Diritto! Tassativo!
    Ho lavorato per un'azienda che sotto questo punto di vista era molto attenta perché espostissima e ho scoperto vari diritti dei lavoratori che peró spesso non vengono rispettati se non ci si impone!
    Anche se si lavora in nero, vige la regola del farsi rispettare prima di tutto!
    Ritornando alla pausa, essendo un diritto, hai sicuramente pensato di rimandarla mentre quello ha voluto leggerla come un NON LA FACCIO.
    Eh certo... ha mangiato carne di volpe?
    Diverse cose di questo racconto non mi hanno convinta, quindi sono d'accordo con la tua valutazione. Fatta a caldo o a freddo!
    L'ambiente lavorativo, a prescindere dalla mole di lavoro, dev'essere accogliente e piacevole.
    Se ti senti presa per i fondelli dal capo, non ne avrai mai buona considerazione e giá questo non rende sopportabili - a lungo - tante ore da fare... poi un rapporto di lavoro prevede due figure, entrambe con dei DOVERI reciproci.
    Il dipendente ha i suoi ma anche il capo e tra le varie cose deve essere rispettoso dei diritti di una persona che passa le ore a mandargli avanti gli ingranaggi della baracca!

    RispondiElimina
  12. Mi sa che hai proprio ragione: un bel trucchetto per risolvere un'enormità di lavoro senza pagare la gente!

    RispondiElimina