Hot!

Zia alternativa tedesca

Voglio darvi due notizie in questo post. L´etichetta "desiderio di un figlio" non ci sara´ piu´ in questo blog, perche´  io e la mia dolce meta´ ne abbiamo parlato molto sull´argomento in questi giorni,  era da un po´  che ci pensavamo ognuno per conto suo, basta con rapporti mirati, basta al pensiero di procreare, perche´ noi alle spalle abbiamo un po´ di problemi e se ci metto che ancora io mi devo ambientare in questa citta´ che non e´ facile, che ancora non so parlare bene,che ancora ho bisogno di avere un traduttore (mio marito) non posso caricarmi di altri impegni, quali un figlio che richiede energie e che in una citta´ che per me e´ ancora "estranea" con "regole fisse" sarebbe un bel casino. Adesso mi date per matta,ma non posso caricare mio marito di tante responsabilita´! Il figlio cresce e qui non e´ come l´Italia,deve andare dai 6 a 18 a scuola obbligatoriamente, ma se parliamo di scuola dobbiamo pensare agli incontri con i professori, agli Entschuldigung insomma a tutto un pacchetto che devi necessariamente esserci dentro, per non far crescere un bambino come una coppia di immigrati che pur fanno sacrifici per ambientarsi, ma non sono mai del tutto con una mentalita´ tedesca,ma italiana.No,grazie!
Sono problemi che alcuni possono sottavalutare, pensare che  i problemi si affrontano dopo, ma se non hai buone basi  li puoi affrontare sempre a meta´. Quindi siamo usciti da questa "situazione" ad un punto , niente figli! Abbiamo passato due giorni strani, ognuno dei due silenziosi,come se avessimo un lutto dentro, ma oggi siamo tornati le persone di sempre,consapevoli della nostra scelta, consapevoli che tutto quello che ci siamo detti in questi giorni sono discorsi sensati e che non deve essere puro egoismo, la decisione del figlio,di mettere al mondo una creatura quando sai a priori le difficolta´ che avresti su tutti i campi. Argomento chiuso,sono stati mesi di ricerca di sogni di desideri leggeri, perche´ appena abbiamo affrontato la cosa ognuno ponderava dei punti importanti, per "la vita" che volevamo mettere al mondo.
L´altra notizia che voglio darvi e´ sempre attinente e che in questi giorni mi sta riempiendo il cuore di gioia,di felicita´ ...non sto nella pelle che diventero´ per la prima volta zia. Mia sorella due giorni fa mi chiama e mi dice che il test di gravidanza ha segnato la faccina e le beta l´hanno confermato. Ad ottobre appena andro´ in Sicilia mia sorella sara´ bella tondetta e potro´ accarezzare la sua bella pancina.Nel frattempo avro´ tempo a disposizione per togliermi lo sfizio e comprare le cose piu´ carine, perche´ di questo/a  fagiolino/a  faro´ anche da madrina .E magari poi mi chiamera´- " la zia  alternativa tedesca".

14 cool comments:

  1. carissima, sei una tosta, davvero! ogni tuo post me lo conferma. Comunque quelli che sollevi non sono problemi inutili... anzi! anche noi vorremmo un bimbo, magari arriverà mentre siamo qui, magari no, ma di una cosa sono convinta: un piccolino lo voglio crescere in Italia! Mi spaventa l'idea che possa essere nè italiano nè tedesco... sempre e comunque uno straniero?

    RispondiElimina
  2. essere zia è bellissimo te lo posso confermare molto volentieri. baci

    RispondiElimina
  3. @Ale - Espatriata al seguito
    Grazie Ale,anche tu che sei in terra crucca puoi ben capire a che cosa mi sto riferendo, a tutte queste regole e burocrazia che hanno che se non capisci bene mandi il cervello in paranoia.E poi i bambini nati da stranieri spesso parlano bilingue,ok dovrebbero essere vantaggiati,ma sai per trovare un asilo che prende tuo figlio che casino devi fare? Non e´ tutto facile, come fanno credere!
    @Ilaria
    Ecco provero´ questa sensazione bellissima e straordinaria che non e´da meno :)

    RispondiElimina
  4. Una decisione sacrosanta e nessuno si permette di sindacare. In bocca al lupo a tua sorella e pure a te, futura zia!

    RispondiElimina
  5. Bello che diventi zia :-) io spero in mio fratello, ma è molto più piccolo di me, e nn credo abbia intenzione di sposarsi o procreare al momento ;-)
    Buona domenica tedesca. Io sto passando la mia domenica italiana a studiare matematica, pensa un po'...

    RispondiElimina
  6. Hai tutta la mia comprensione e solidarietà. Avete preso la decisione giusta. Ora dovete affrontare altri problemi, poi magari ci potete ripensare, se la situazione cambia.
    Auguri per tutto!

    RispondiElimina
  7. @Elga
    Grazie cara!!!!
    @Clara
    Buona studiata Clara di certo non t´invidio :))
    @Speranza
    Con questo non significa che non verro´ a leggervi e a tifare per voi, ma credo che per me sia giusto cosi´

    RispondiElimina
  8. Uh che sorpresa! Capisco e rispetto sorella!
    Arriva un momento in cui ti fermi e ti fai la domanda. E capisci che le priorità sono altre in quel momento. Per me adesso è la casa.

    Fantastico essere zia, un'emozione indescrivibile! Io l'Amredizia mio...lo adoro!

    Ah io ti avevo risposto alla melina, spero ti sia arrivata :)

    RispondiElimina
  9. @Nina
    Priorita´ non sara´ di certo l´ambientarmi in questa citta´ ne tantomeno il lavoro, di certo con il lavoro che faccio non posso considerarmi una donna in carriera.Pero´ a volte ti svegli dopo il sonno della notte e tutto all´improvviso e´ piu´ chiaro, come se la risposta ce´ gia´ a questo dilemma della ricerca! Non e´ un arresa la mia, non la chiamo neanche sconfitta,sono un tantino responsabile di tirarmi indietro se devo scegliere, se in questo desiderio devo far soffrire mio figlio, non ci sto .Io mi tiro indietro!

    RispondiElimina
  10. Wane, credo che la tua scelta sia stata difficile, ma ne sei convinta davvero e allora va bene così. Un bacio

    RispondiElimina
  11. @Tokyonome85
    Quasi un anno per sapermi dare finalmente la risposta,non e´ stato facile e´ vero,pero´ meglio adesso che dopo,nel senso che per come sono non mi va di soffrire ne di far soffrire una creatura che non c´entra nulla!

    RispondiElimina
  12. capisco la vostra scelta, sicuramente è arrivata alla fine di un percorso difficile, ma dovete pensare al vostro equilibrio...
    un abbraccio e congratulazioni, zietta! :)

    RispondiElimina
  13. sei una donna "tosta", non c'e' che dire.

    RispondiElimina
  14. @pink
    grazie per le tue parole...si non e´ facile dovere rinunciare.....ma probabilmente doveva andar cosi´
    @Marica
    Ho sempre preso di petto qualsiasi situazione si e´ presentata nella mia vita e l´ ho affrontata , tutto qui! Vivere da expat non e´ facile! Sopratutto a 40 anni,da giovincella ti adatti a tutto....

    RispondiElimina