A piedi nudi

Li ho visti, e anche parecchi per le strade di Monaco.In questi due giorni con punte di 32°C nel sud della Germania si sono moltiplicati.
Sto parlando della gente che cammina in strada, in tram, in metro,negli uffici scalza. Najà!
Io non capisco cosa gli passa nella capoccia di questi tedeschi che vanno orgogliosi della loro pianta del piede di un nero carbone magari vestiti al`ultimo grido.
 Per me non sono "cose" normali,forse sono poco elastica,ma io  faccio fatica a camminare a piedi nudi in casa, e dico casa mia che non passo lo straccio ogni giorno ma quasi, avete presente quanti batteri, non credo proprio che sia igienico!
Il post è nato dopo essere stata  in pausa e ho visto un tizio entrare in ufficio a piedi nudi.
L`ho fermato e gli ho chiesto perchè camminava a piedi nudi ( barfuß) mi aspettavo un vaffa e invece mi ha detto che cool e che tool. Sticazzi allora sono io arretrata? 
Salgo in ufficio e mi metto a googlare e che trovo? Siti, forum, parchi dedicati ai barfuß,ma dico sono gli hippy del duemilaeundici? In Italia ho trovato il club dei nati scalzi, ma non era "sei nato con la camicia?" adesso si sono tolte la scarpe? qui  una cartina dove puoi trovare i parchi dove andare scalzi a Monaco.
Insomma ce nè per tutti i gusti la cosa buffa che il club italiano prevede anche un piccolo "Pit Stop!" fermarsi come una Ferrari ai box per un controllo alle gomme.
Il pit stop richiede poco ingombro in borsa,un foglio di carta di vetro ed una pinzetta da sopracciglia,strumenti per l`emergenza per eliminare eventuale schegge per poter continuare la marcia a piedi nudi.
E te pareva. Vi lascio con un proverbio tedesco tradotto ovviamente.... che dice" E' inutile correre se sei sulla strada sbagliata."E per oggi ho detto tutto!Sarà.

Update 2017Cari amici,e cari Barfuß
dal 2011 da quando ho scritto questo post ne sono passati di anni. Oggi a distanza di anni,del mio vedere del mio sapere e della conoscenza di molte cose avrei strutturato il post diversamente.
Vi chiedo scusa,ma allora non sapevo tante cose.
Non ho mai abolito però i commenti a questo post che nel tempo nè ho sempre ricevuti tantissimi.
A volte anche commenti anomali,leggesi la lunga sfilza dei commenti qua sotto.
Mi è sembrato sempre giusto dare spazio  e dare voce a tutti.
D´altronde senza tutto cio questo blog non esisterebbe.


PRINT RECIPE

57 commenti

  1. io in casa sto sempre scalza o quasi ma sono anche sempre con la scopa in mano, detesto camminare su briciole figurarsi in strada. In riva ad un fiume durante le ferie maledicevo ogni sassolino e gridavo che volevo la sabbia tipo Rimini... ma capisco il volersi "liberare" dalla costrizione delle scarpe che hanno i paesi nordici,mica solo i tedeschi di germania ja! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao sono alex io sono sempre scalzo con i piedi neri per me e normalissimo, ciaoooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

      Elimina
    2. Elga, non drammatizzare. A piedi liberi in casa lo fanno in tante, io compresa. Ovviamente in estate, mentre in inverno significa raffreddori garantiti. L'estate scalza sia in casa che fuori è piacevolmente normale. I sassolini del fiume o dei viali pedonali sono una gioia sentirli scorrere tra le dita o sotto i piedi nudi. Basta cominciare. In aprile cambia l'ora ... diamoci appuntamento alla primavera, scalze nei prati. Ciao da Anna.

      Elimina
    3. Anna in inverno dovresti ogni tanto camminare a piedi nudi senza calze che fa bene,fare degli esercizi ad esempio afferrare la tenda della stanza tra le dita dei piedi,prova a lavare scalza il pavimento anche in inverno non sempre però lo dovresti fare scopri quanto è rilassante pulirsi i piedi sopra lo straccio tante lo fanno provalo o continua a fare dimmi qualcosa

      Elimina
    4. Ciao da Anna, ancora inverno purtroppo. Oggi ho provato a camminare scalza in casa, ma dopo pochi minuti ho dovuto rimettere le protezioni (ciabatte da casa). Sono una scalza solo estiva, in casa ed anche fuori casa. E’ proprio fuori casa che mi diverto un sacco. Libera: libera nel modo di pensare, di muovermi per le vie del borgo. Ma ancora più divertente è prendere l’autobus cittadino a piedi nudi. Scendere spensierata, camminare disinvolta per vie e piazze, entrare nei negozi per le spese o al bar per un caffè. A volte mi fermo a lavarmi i piedi alle fontane per poi riprendere leggera e lasciare le mie impronte sul lastricato. Non ho mai ricevuto critiche, ma alcuni elogi per il mio coraggio alla mia disinvoltura. Ecco, questo deve essere il nostro segreto: spontaneità e disinvoltura senza forzature. Il piacere del contatto con il suolo via via diverso, solo provandolo si riesce ad apprezzare. Ciao da Anna, alla prossima estate scalza, la mia prossima estate a piedi nudi e liberi. (cosa ne pensate delle cavigliere, a me piacciono anche se non sempre le indosso).

      Elimina
  2. Bleah. L'ho fatto solo una volta, in un'altra vita: località di mare, isola festaiola delle baleari, ritorno a piedi dalla discoteca ad un'ora improponibile. I sandali mi si sono disfatti, nel vero senso della parola. O scalza, o niente. Ma che schifo!

    RispondiElimina
  3. Non è cosa per me!
    Non riesco a camminare scalza... per me è una cosa improponibile.
    Sue.

    RispondiElimina
  4. anche qui a vienna stessa cosa e non me ne capacito... :-/

    RispondiElimina
  5. io in casa vivo scalza ma non oltrepasso la soglia di casa senza scarpe
    ma che schifo....
    cmq sarà pure cool ma a me col piffero che mi farebbero entrare in ufficio scalza..bha strani so strani questi tedeschi

    RispondiElimina
  6. ahahah sapevo che parlare di piedi scalzi in giro avrebbe fatto un po` schifo a noi italiani :))) quanta differenza di cultura ehhh????

    RispondiElimina
  7. sarà pure cool ma io sono come te, non riesco a stare scalza nemmeno in casa mia! baci carissima!!!

    RispondiElimina
  8. mi intrufolo... anch'io in casa a volte giro scalzo.... ma fuori no, dai...
    però! con la crisi che c'è dappertutto potrebbe essere una moda redditizia: lavapiedi da strada! verghino sijore e sijoriiiiii, il pit stop ve lo facciamo noiiiiii!!! (he schif blergh!!)!

    RispondiElimina
  9. Non è cosa da fare qui in Sardegna: l'asfalto diventerebbe un tutt'uno con la pianta dei piedi, oppure si potrebbe provare a fare gli esercizi per diventare fachiri!

    RispondiElimina
  10. un po' sporco, un po' "non igienico", un po' matto, un po' strano..
    non riuscirei mai a farlo, dopo 5 minuti altro che pit stop pinzette, pit stop me li devo lavare e disinfettare!!! ma se abitassi lì proverei, anche se penso resisterei al massimo qualche minuto. Sono matta si ;-)
    In ogni caso meglio barfuß che piercing vari, di quelli magari che sformano l'orecchio con anelli "da stalla".
    Qui da noi in Veneto si direbbe: "xe el caldo che batte!" ...E' il caldo che batte in testa :-)

    RispondiElimina
  11. Anche io credo che sia assurdo. A parte i milioni di batteri e malattie infettive alla pelle che si possono trasmettere, ci sono poi i vari pericoli. Schegge di vario tipo, le pipì e le cacche dei cani, olio e benzina delle macchine...e chi più ne ha più ne metta.
    Le persona non sanno veramente più cosa inventarsi. BAH!

    RispondiElimina
  12. Anche io a volte cammino scalza fuori casa, ma rimango sul piazzale di casa!Comunque sono strani questi tedeschi, io sono andata a scuola per tre anni con uno di loro che in inverno quando la temperatura scendeva sotto lo zero si metteva la sciarpa, i guanti e il cappello però indossava maniche corte e calzoncini!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  13. ισ иσи яιʋƨcιяɛι мαι α cαммιиαяɛ α ριɛ∂ι иʋ∂ι,мα ƨσиσ ɢℓι нιρρʏ?

    RispondiElimina
  14. in effetti avere i piedi neri e sporchi non è un granchè però....io camminerei scalza ovunque e sempre, estate e inverno :-)
    E' un segno di libertà quasi...di "non-costrizione". All'ultimo matrimonio a cui siamo andati non sono rimasta scalza per strada solo eprche marito me lo ha impedito ma li non avevo calcolato i piedi piu gonfi e le scarpe scomode ;-)

    RispondiElimina
  15. Sono finito per caso sul tuo post. Anch'io sono un italiano che vive da anni a Monaco di Baviera. Amo camminare scalzo e praticamente vivo a piedi nudi per estati intere. Non è soltanto tool e cool, ma anche un toccasana per la salute del piede e la corretta postura corporea, è il modo più naturale di camminare ed il modo migliore per salvarsi da funghi e vene varicose; nel camminare scalzi tra l'altro il corpo sprigiona endorfine che danno un senso di buon umore e benessere generale. Non è vero che è un'abitudine soltanto tedesca, è diffusa in moltissimi paesi del mondo (quasi sempre i paesi più progrediti culturalmente) e, come hai visto scoprendo il sito "Nati Scalzi", non è sconosciuta nemmeno a molti italiani. Non è vero che si rischiano infezioni e malettie, come sostiene qualche commentatore: inizialmente bisogna stare attenti a non ferirsi (e se ti ferisci, stai certa che te ne accorgi subito!), ma la pianta del piede diventa in fretta molto robusta. Le strade della Germania, come saprai, sono pulitissime e con suole un po' allenate è veramente raro che tu abbia occasioni per ferirti. Più che a piedi nudi, è molto più pericoloso andare in giro per il mondo a MANI NUDE, visto che le mani toccano continuamente oggetti pieni di batteri (nessuno si mette i guanti prima di toccare soldi, maniglie, ringhiere, rubinetti, carrelli della spesa, tastiere del computer, scrivanie di uffici pubblici...) e le nostre mani sporche vengono continuamente a contatto con bocca, naso e occhi, anche senza che ce ne accorgiamo. I piedi raccolgono lo stesso tipo di polvere, ma sotto la pianta del piede è del tutto innocua e lavabile via in un minuto; le polveri che circolano nell'aria invece entrano nei polmoni e possono provocare danni seri. Nei paesi nei quali viviamo non esiste una singola malattia per la quale l'organizzazione mondiale della sanità (vedi: sito) prescriva di non camminare a piedi scalzi, d.h. camminare a piedi nudi non mette a rischio la tua salute; al contrario: è un'attività estremamente salutare. Chiedi al tuo medico di base!

    http://www.consapevolmente.org/site/modules/news/article.php?storyid=106

    Ci si vede in giro l'estate prossima! :-))

    RispondiElimina
  16. Mi scuso per gli altri commenti non commentati, mi sara` sfuggito questo argomento che avevo trattato e che ho visto e´ stato super-commentato.
    @Federico
    Innanzitutto benvenuto nella cerchia degli expat di Monaco. Senza dubbio cio` che dici, con le mani finiamo di toccare piu` batteri che con i piedi. Sinceramente a calzature nel corso della giovinezza poco adatta(anfibi e altro) adesso mi ritrovo un piede assai delicato con duroni ed annessi...ahi ahi...se dovrei fare una bella scarpinata a piedi nudi nella bella Monaco ovvio d´estate, credo che non arriverei a Marienplatz. Beh possiamo sempre organizzarci per l`estate prox. :P

    RispondiElimina
  17. Wanesia ho letto che tu per casa giri sempre a piedi nudi,e non fai altro che spazzare perchè non sopporti le briciole sotto i piedi,allora quando spazzi quante volte ti pulisci i piedi sopra la setola della scopa?dopo aver finito di spazzare suppongo che vai a strofinare i piedi sopra lo zerbino per pulirli,oppure se lavi per terra ti pulisci i piedi sopra lo straccio, che poi lo fari sicuramente spesso e volentieri sia estate che in inverno,per avere i piedi sempre puliti.

    RispondiElimina
  18. @anonimo
    veramente ho detto che "io a volte faccio fatica a camminare a piedi nudi in casa" per cui non ho il problema di lavare ne spazzare le suole dei piedi ^^

    RispondiElimina
  19. Wanesia ho letto quello che mi hai risposto,però tu hai scritto che non sopporti le briciole sotto i piedi visto e considerato che cammini a piedi nudi,infatti mi è venuta la curiosità se tu ti pulisci spesso i piedi sopra lo zerbino, oppure quando lavi il pavimento sicuramente ti pulirai i piedi sopra lo straccio se è si quante volte lo fai,sia lo straccio e sia zerbino.Questa è una mia curiosità, gentilmente rispondimi ciao.

    RispondiElimina
  20. Io non ho mai detto che cammino a piedi nudi. Comunque questo e` il 4° commento che mi scrivi,ma stai bene.Hai tutte le rotelle a posto? Semmai piu` che lo zerbino usero` la tua faccia per darmi una pulita ai piedi.

    RispondiElimina
  21. Wanesia ti scrivo solo per chiederti scusa ciao

    RispondiElimina
  22. Mi chiamo Marco, scrivo solo ora, ma sono un barefooter anche io, in viaggio spesso a Monaco ma non solo, sono parecchi anni che giro scalzo per la Germania senza problemi, senza sentire commenti come quelli letti, rispettabilissimi, ma dettati da una ignoranza e uno stereotipo che nel 2012 non dovrebbe esistere. Concordo in pieno con Federico su tutto, i paesi evoluti, quelli con meno "seghe mentali" fanno le cose senza pensarci, mentre qui è esattamente l'opposto. Non mi sono mai tagliato o preso malattie di alcun tipo, i miei piedi sono in perfetta forma e quando sono neri... si lavano, ma non ho problemi di schiena o piattismo di alcun tipo anzi, è perfino difficile che prenda il raffreddore. Poi logicamente ognuno è libero di fare come vuole, sia chiaro!
    Un saluto da Monaco.

    RispondiElimina
  23. @Anonimo1
    Endilich! O-0
    @Anonimo2
    Hai detto bene i miei commenti e´ il mio post e` dettata sola da pura ignoranza in materia.Non conoscevo i barefooter prima che scrivessi questo post, spesso mi incuriosivano le persone che camminavano scalzi per Monaco ,ma non sapevo che dietro c´era tutta questa filosofia. Chiedo venia, non si finisce mai di imparare.
    In Sicilia l´uniche persone che camminano scalze sono nel mese di agosto quando le devote chiedono grazie alla Madonna e promettono di fare pellegrinaggio da casa fino al santuario a piedi scalzi.
    Spero che non ti inc@zzi di piu` dopo il mio commento^^

    RispondiElimina
  24. In Sicilia difficilmente fa freddo gelido,anzi,se tu facessi un giro per casa vedresti tante ragazze come te che in casa camminano a piedi nudi anche nel mese di dicembre o gennaio.Ti capita mai quando hai le scarpe aperte che ti scivola il piede?,in Sicilia capita anche in inverno perchè la temperatura tante volte ero presente bene o male è alta ed allora sei costretta a toglierti la scarpa e strofinare il piede sul pavimento più volte per asciugarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa mi ero dimenticata di commentare un paio di mesi fa`!
      Sei un feicista? Che ce l´hai con imiei piedi?

      Elimina
  25. Quando ero ragazza, 40 anni fa, vivevo in campagna (nel Roero prov.di CN e AT), ebbene per le donne era normale, in estate, stare scalze. Ai microbi non pensavamo proprio!
    Adesso si parla di cool!

    Ciao da Annalisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annalisa,hai detto bene erano altri tempi....
      non so se hai letto tutto post e commenti,ma sinceramente ribadisco che non mi sembra bello andare in giro scalzi in citta´ o metro o prendere il tram a piedi nudi.Ma ti sembra giusto secondo te?Ovviamnete questo che vedevo io li chiamano barfuß ed a quanto pare e´ cool.
      Ti diro io gia´ faccio fatica a camminare con le scarpe causa durone ai piedi figuriamocci scalza...
      Scusa da che parte stai? ;P
      Dei barfuß o dalla mia ???
      :*

      Elimina
    2. Il piacere di sentirci a nostro agio scalze, è un piacere personale. Solo provandolo si riesce a capirlo. Basta abituarsi sin da ragazze e poi si prosegue anche da adulte. Per le vie del paese per la passeggiata con le amiche, gli acquisti del giorno, un gelato in compagnia.

      Elimina
    3. Ciao da Luciana, brava Annalisa, ho trent'anni e sin da bambina sono stata abituata a restare a piedi nudi tutta l'estate. Vivo in campagna come te e i piedi nudi e liberi sono una piacevole necessità. Dal giardino davanti casa, ai lavori nell'orto, alle passeggiate lungo il fiume sul viale sterrato. I sassi, quelli tondi, non sono un problema: basta un periodo di rodaggio di per sé divertente.

      Elimina
  26. Ciao Wanesia,
    non condanno nessuno... se qualcuno/a vuole girare a piedi nudi, per me va bene. Non ho pregiudizi.
    Ribadisco solo, e come avrai capito non sono più una ragazza, che 40 anni per non dire 45 anni or sono lavorare in campagna a piedi nudi era normale. Le scarpe si mettevano la domenica...
    Ora è diventato chic! Per ciò che mi riguarda ora metto le scarpe anche se, appena il tempo si fa mite, mi piace portare i sandali. Scalza a spiaggia!

    Complimenti per il sito e ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti, anch´io non ho pregiudizi,ma mi fa un po´ strano vedere persone con ilcappotto e piedi scalzi. Ognuno e´ libera di pensare e fare cio` che vuole.Ovvio!

      Elimina
  27. Ciao ragazze, viviamo con gioia la nostra estate libera e scalza, senza ascoltare le paturnie dei maschi noiosi e polemici. A piedi nudi ci sentiamo a nostro agio, libere e fresche. Mi piace avere i piedi sporchi sotto, sopra restano comunque puliti. Poi uno straccio umido prima di entrare in casa.

    RispondiElimina
  28. Una improvvisa pioggia estiva valorizza la fortuna di essere scalze. Camminare libere nelle pozzanghere a piedi liberi e freschi. Con la gioia di sentirci a nostro agio. Le altre sono proprio buffe a tenere ai piedi le prigioni chiamate scarpe. Ciao da scalza felice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice per te scalza felice. Il mio post era un punto di vista a me fa un po´ strano,ma probabile sono io all´antica!?:D

      Elimina
  29. Ciao ragazze cerco notizie sulla pirobazia, la bravura ci camminare scalze sul fuoco. Si dice che le più brave e resistenti siamo noi ragazze. Comunque scalza sul fuoco MAI. Per strada lo faccio sempre dall'inizio primavera al tardo autunno. Qualcuna di voi ha partecipato a raduni di pirobazia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ach du Scheiße!Camminare sui carboni ardenti!?
      Avevo una coppia di amici artisti di strada in Sicilia che lo facevano....

      Elimina
  30. Ciao Wanesia, interessanti i tuoi commenti ai nostri scritti. Per me essere scalza significa libertà. Libertà e piacere di contatto con il suolo, ritrovare me stessa. Mia madre scalzista convinta mi ha crescita libera sin da sempre. Prova ad osservare: quelle che portano i tacchi lo fanno per farsi notare, sono goffe ed impacciate. Noi scalze per piacere, camminiamo lisce e con scioltezza. Dall'erba del prato, alle vie cittadine, alle strade di campagna in terra battuta e ghiaia. Mi fanno ridere quelli che criticano. Sono convinta che si tratta di invidia e desiderio represso. Comunque calli e vesciche nessuna. Quelli vengono solo quando le scarpe stringono. Un cordiale saluto a te Wanesia e ripropongo la domanda di qualche giorno fa. Cerco notizie ed esperienze di altre amiche sulla pirobazia. (mi sono incuriosita. Prima di provare preferisco sentire le esperienze di altre).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch´io sono curiosa ed aspetto notizie sulla pirobazia su questo post. Quasi quasi mi avete convinto, appena vado a fare la spesa scalza posto subito le suole dei miei piedi.
      :D

      Elimina
    2. Una nuova felice estate a piedi nudi ci attende, viviamola libere e spensierate. Siamo donne ... libere ancora di più.

      Elimina
    3. divertente vedere le foto su "barefoot sandal" delle simpatiche cavigliere realizzate in perline colorate o altro. Ci permette di avere un'aria sbarazzina ed originale dandoci maggior gioia nell'uscire di casa a piedi nudi. Estate scalza a noi, sino ad autunno inoltrato.

      Elimina
  31. Questa estate andava proprio di moda la "barefoot sandal" quante di noi hanno preferito farseli da sole piuttosto che comperarli. Una ottima idea sbarazzina ed originale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima idea, simpatica e divertente. Ne due di comperati e gli altri li ho fatti in casa. Ciao da Luciana.

      Elimina
  32. Ciao ragazze, oggi cambia l'ora e sembra già iniziata l'estate. Iniziamo oggi la fase di rodaggio estivo. Inauguriamo le ultime infradito comperate lo scorso autunno e mai portate. Facciamo invidia a quelle che non hanno il coraggio di cominciare. Ciao e futura estate scalza da Luciana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luciana, oggi sabato ho seguito il tuo consiglio: via calze e scarpe chiuse e sono uscita i saldali estivi. Quelli a striscette e suola a listino. Una meraviglia, mi sentivo a mio agio ed ho cominciato ad abbronzarmi. Grazie ancora per il consiglio e ciao da Erica.

      Elimina
    2. Ciao Luciana e ciao Erica da Anna.

      Elimina
  33. Estate scalza, estate a piedi nudi. Un grosso ciao da Anna a tutta la redazione. Piacevole la nuova veste grafica del sito. Come dicevo in un'altra parte, per me i piedi liberi sono il mio stile di vita estivo e spensierato. Lungo le vie del paese, sull'autobus, o le vie della città mi piace sentirmi libera ed a mio agio. I piedi sporchi fanno parte del gioco, anzi è divertente bagnarmi in un ruscello di campagna o in una fontana cittadina e poi proseguire lasciando dietro di me le mie impronte. Poi giunta a casa mi lavo i piedi, sporchi o puliti che siano, in giardino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna.Vedo che questo post dopo anni e´ sempre molto commentato.

      Elimina
    2. Anna riprende. Ho letto i vecchi scritti ed ho visitato il sito di barefoot sandal. In effetti avere delle simpatiche cavigliere è un motivo in più per uscire a mio agio a piedi liberi. Personalmente lo vivo con spontaneità ed è proprio questo che mi fa passare inosservata. Esco di casa e poco importa dove mi portino i piedi nudi. Mi sento spontanea sia al paese, come sull'autobus o in città tra compere e negozi. A sera torno a casa libera, rilassata, mai con i piedi stanchi o gonfi. Sempre piacevolmente a mio agio e felice di avere provato superfici diverse. Un ciao a tutte ed un grazie a Wanesia che ha aggiornato il sito.

      Elimina
  34. Un cordiale saluto da Luisa, sono sbarcata da poco su questo sito. Piacevole che possiamo confrontarci tra noi. L'estate al mare è stata piacevolmente a piedi nudi, cosa del resto per me spontanea anche in città nelle ore e nei giorni liberi. Divertente viaggiare in bicicletta per le vie di campagna: ciabattine nel cestino e pedalare scalza e libera. All'occorenza appoggio la bici ad un albero e proseguo scalza per il sentiero o nel prato. Magari poter restare a piedi liberi anche al lavoro, quante di voi hanno la possibilità di farlo. Un saluto da Luisa ed a presto.

    RispondiElimina
  35. L'estate è solo un ricordo e con essa anche le piacevoli passeggiate a piedi nudi, al mare anzitutto, ma anche in città nelle ore libere. Ogni occasione era buona per uscire "libera" da casa. Divertente prendere l'autobus cittadino, posso dire che ben pochi si accorgevano che ero scalza. Basta muoversi con spontanea naturalezza. Così pure durante la spesa nei negozi. Forse l'essere in gonna faceva passare inosservato il resto, o forse perché mi sentivo a mio agio. Ancora più nelle uscite in bicicletta per le vie dei campagna. Un saluto da Luisa, a presto.

    RispondiElimina
  36. L’ultimo dell’anno è prossimo. Cenone in compagnia e poi ballo di gruppo. Alla mezzanotte tutte fuori ad assistere ai fuochi. Al chiuso sandali estivi senza calze. Libera scelta tra suola bassa o tacchi da brivido. Quasi certo che prima di uscire mi cambierò proteggendomi bene. Quante avranno il coraggio di affrontare il freddo in tenuta estiva?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono per natura freddolosa, a piedi nudi solo in estate. In casa, in giardino ed anche per una ristoratrice passeggiata in campagna. Nessun problema per i piedi nudi in estate, anzi sono una gioia ed una libertà. Ma in inverno preferisco proteggermi. Al mare mi piace affrontare la sabbia libera anche nelle ore più calde senza paura di scottarmi. Tra pochi giorni sarà la prossima estate scalza, con un saluto da Diana.

      Elimina

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

© WANESIAMaira Gall