2 settembre 2011

Senza titolo

credit
Avevo promesso di non scrivere di getto,ma il blog adesso e´ diventato un circolo vizioso,devo comunicare in qualche modo per poter sfogare.Prima di scendere all`appuntamento nella mia cassetta della posta c`era la mia sentenza, apro l`aspettavo ormai dal mese di giugno quando avevano all`improvviso bloccato il "primo" ed "ultimo" sussidio,leggo a sommi capi capisco meta`, ma capisco che hanno bloccato  tutto.Non ricevero` sussidi dallo Stato tedesco, poi al ritorno dovevo tradurre con google qualche parola, e invece tutto a posto, non ci sono soldi a carico mio da tornare indietro.
 Questo comporta un vaffa al corso che sto facendo un vaffa alla mia vita controllata dagli estratti conto ai permessi che dovevo chiedere qualora mi allontanassi da München quasi io fossi agli arresti domiciliari,ma in questi mesi malgrado mi sono sentita spogliata della mia dignita` di essere umano, per l`amore di arrotondare lo stipendio del marito avevo tentato questa strada,anche se appena avevo capito a cosa stavo andando incontro, mi sono venuti gli attacchi di panico, ansia, calmati dalla dolcezza di mio marito, facendomi apparire tutto rosa anche se per me era tutto nero.
Allora diciamo un Vaffa a caratteri cubitali tutti insieme per questa chiusura dei conti e per la riapertura della  mia LIBERTA`.
Ma non abbiamo finito con i vaffa, sono andata all`appuntamento, ripassando a mente sulla metro tutto quello che dovevo dire, non e` facile vivere con questo stress addosso della lingua che sai a cachi`....e allora sono  davanti ai responsabili. Signora Wanesia ,ma cosa ci fa qui??
Inghiotto a meta` e dico che ho un appuntamento,
ma io le  avevo detto che la chiamavo martedi` e non che c`era un appuntamento, ovviamente da li` al passo ,mi spiace ma a causa della lingua che non possiamo assumerla. Inghiotto piu` giu` il rospo, come se non respirassi piu`, mi sento davvero tramortita,non sono tonta tra anrufen e Vorstellung oder Termin ci sono differenze. Ed io quello l`ho capito, ho capito che si sono presi gioco di me,ho capito che hanno barato, ho capito che hanno giocato,con me e su di me.....
mia mamma ci e` rimasta male perche` io mi sono illusa, mio marito ha la vocina strana, io sono un pezzo di ghiaccio.
Questi tre anni ,  che sono a Monaco mi sono messa molte  volte in ridicolo, e` difficile dire qualcosa quando non sai come dirla, e` umiliante per me e anche per chi mi ascolta . Comunque questo e` tutto, mi prendo il fine settimana per me...e lunedi` vado a chiudere tutti i conti.
E riprendo la mia liberta`.

A volte mi sento di camminare dentro una bolla in questa citta` dove alla fine nessuno fa lo sforzo per capirti ed e` cosi` che trascorro gli attimi della mia vita che passa nell`anonimato di questa citta`. Bavaresi un giorno mi riprendo la rivincita!

16 commenti:

  1. Beh io lo so quel che vuol dire fare un colloquio e essere rifiutati solo per la lingua. Tuttavia tu sei fortunata, pensaci, perché hai comunque le spalle coperte da tuo marito. Io ero da solo e con dalmata a carico ;-) quindi porta tanta pazienza e non stressanti più di tanto. Il lavoro arriverà anche se magari fra un po. Ma comunque non hai il lavoro della gelateria? Brutto quanto vuoi ma sempre un lavoro è, in attesa di quello decente.

    RispondiElimina
  2. Capisco come ti senti... anch'io mi sono messa in ridicolo nei primi anni qui in Italia perchè non conoscevo bene la lingua e, peggio, il dialetto Piemontese.
    Insegnavo inglese in una scuola privata ma per pochi mesi soltanto, sostituivo un'altra insegnante.
    Come ha detto "grissino"..."porta tanta pazienza e non stressarti più di tanto".
    Hai sempre il part-time, è meglio di niente. Adesso pensa al viaggio che farai nella tua amata Sicilia.
    Spero che la tua gamba è guarita!
    Ti auguro un buon finesettimana.
    Sue.

    RispondiElimina
  3. Grazie mille per le vostre parole,oggi mi servono piu` che mai. Si ho mio marito che porta lo stipendio a casa,ma se tutto deve uscire da li´ vuol dire un altro anno di sacrifici ,il lavoro alla gelateria haime´ finisce ad ottobre, qui no ne voglio sapere di mangiare gelati in pieno inverno :(

    RispondiElimina
  4. Capisco la tua situazione e mi dispiace tanto per l'esite dell'ultimo colloquio. Vediamola così: non hai perso altri giorni fino a martedì per essere informata della cosa, quindi alla fine un lato positivo c'è. Piccolo ma c'è. E per l'Oktoberfest, saputo nulla? Buon weekend e non preoccuparti troppo, come dice Grissino puoi "permetterti" di tentare altre strade senza arrenderti. Baci.

    RispondiElimina
  5. Mi dispiace tanto :-(
    Ti auguro di cuore che si aprano nuove strade... 'sti benedetti bavaresi non possono mica perdersi una tipa in gamba come te!

    RispondiElimina
  6. Ma non hanno capito nulla questi sono un pò duri a capire e ad apprezzare il talento italiano. Coraggio!

    RispondiElimina
  7. ciao wanesia, mi dispiace molto. Come hanno detto gli altri perlomeno sei "libera" e puoi andare in Italia a ottobre. Vedrai che monaco non ti deluderà, a me ha dato tanto lavorativamente parlando e i primi tempi il mio tedesco era pessimo. Ti auguro tanta fortuna come ne ho avuta io. L'energia positiva ce l'hai, per cui qualcosa senz'altro arriverà presto. Un abbraccio
    katia

    RispondiElimina
  8. Dispiace tanto pure a me...coraggio pero', non abbatterti! Anche se comprendo benissimo la sensazione di frustrazione provata (e' capitato spesso pure a me). Ein Bussi.

    RispondiElimina
  9. mi dispiace per tutte queste situazioni avverse.. io oggi nel mio "piccolo" mi sono sorbita una manfrina di mezzora per un errore per poi risalire a quel giorno e ricordarmi che per un cambio di compiti all'ultimo quel lavoro l'aveva fatto proprio quella che mi ha fatto la ramanzina... ovviamente sul "planning" risultava il mio nome, quindi ingoio (e fanculizzo, ma in silenzio). Ci saranno i giorni delle rivincite, ne sono sicura...

    RispondiElimina
  10. forza wanesia!! non ti abbattere!! sono sicura che ci saranno presto nuove opportunità!!! immagino la tua delusione e la voglia di mandare tutto al diavolo... sfogati,sfogati... ma poi ricomincia a essere combattiva e risoluta!
    so che ci riesci!!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  11. SCORRETTI, Troppo Scorretti :-(
    nel mio prossimo futuro diventerò una expat e considerando che non conosco una sillaba della lingua del posto che mi ospiterà sono davvero spaventata

    RispondiElimina
  12. Capisco la tua delusione. Ora è il momnento di far stemperare lo stato d'animo negativo e poi a mente serena raccogliere le idee e preparare un piano d'attacco. Secondo me, se dovete stare lì devi risolvere la questione della lingua. Questo è il nodo, e lo sai anche tu. Sono sicura che troverai il modo per avere successo. Hai le mani d'oro e tanta fantasia. Potresti sfruttare questo talento, no?

    RispondiElimina
  13. Cavolo noooo, ma io avevo percepito delle good vibes dall'atteggiamento di sta signora. Che falsi doppie facce pero' eh, mi dispiace :-(
    Pero' quella di Speranza potrebbe essere un'idea carina: tu sei cosi creativa, che sicuramente questo tale nto lo puoi sfruttare no?!

    RispondiElimina
  14. Grazie davvero a tutte diciamo che a distanza di un giorno ho ammortizzato coem sempre la cosa, sono un po` inacidita nei confronti del tedesco in genere,ma anche quella passera`.Ancora e` troppo prematuro. Mi sa che si incomincia dinuovo da capo, scuola e poi tutto il resto...uff che fatica !:)

    RispondiElimina
  15. ....ti voglio tanto tanto bene!!!

    RispondiElimina
  16. ....sii sempre forte!!!

    RispondiElimina

Instagram

Pinterest