Hot!

Rettich quell´omone anemico

Dal sapore amaro!

Da quando sono in Germania oltre alla lingua,al modo di vestire ho modificato anche il mio modo di cucinare e mangiare. Anni fa´ guardavo schifata la signora ingioiellata con la borsa di Louis Vitton che al market l´apriva e metteva dentro la spesa persino le cipolette che quelle lasciano una puzza mostruosa  persino per pochi secondi che le prendi dal banco della verdura.(ah dimenticavo, qui al contrario dell´Italia la frutta e la verdura si puo´ palpeggiare senza guanto).
Adesso esco dal market abbracciando una confezione di latte e con le cipollette avvolte di carta   sotto braccio. Ma oggi voglio parlare del cugino lontano delle cipollette ovvero del Rettich. Wikipedia me lo da come ravanello, anche se per me i ravanelli erano quella pianta erbacea con frutti dal caratteristico colore rosso scuro. Vabbe´ mi fido di Wikipedia e parlo del signor ravanello ovvero Rettich.Un ravanello  rivela l'indennità giornaliera per adulti di vitamina C , fornisce alcune proteine ​​, carotene , alcune vitamine del gruppo B , ricca di potassio , sodio , magnesio , calcio , fosforo , ferro ed enzimi , soprattutto, un olio contenente zolfo Raphanol e` meglio di un antibiotico. Sono andata a casa e taglia qua, assaggia qua ,assapora,no vediamo un altra volta sono riuscita a mangiarmi un Rettich intero. Ma dico , mi avevano detto che nelle insalate e` strepitoso,ma mi sono accorta che il signor Rettich lo servono anche nel nostro ristorante di fiducia giapponese insieme al sushi. Quindi il signor Rettich e´ anche un po´ esotico....
E voi al Nord Italia conoscete il Rettich,perche´ al Sud non conosciamo questo ravanONE bianco .
Image and video hosting by TinyPic

22 cool comments:

  1. Wanesia i tuoi post sono sempre molto carini, peccato che ho tempo solo di leggerti sempre veloce...Carino il post di sotto:-) Ma giocavate sull'acqua?:-)

    RispondiElimina
  2. ma chi i pokemon???? ossignur non eravamo noi ^^

    RispondiElimina
  3. oddio qui nel profondo nord italico si conosce bene il ravanello ma quello rotondo con la buccetta rossa che, quando lo azzanni ti lascia quel retrogusto amora-pizzicoso!! questo di cui parli non l'ho mai visto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il ravanello rosso noi italiani lo conosciamo anche se poco l´uso che ne fqcciamo, ma questo raga´ e´ fenomenale.Ahahah,adesso ci penso mi faccio un baracchino e vendo rettich,ma "noi" italiani siamo molto raffinati :P

      Elimina
  4. anche qui si può tastare liberamente senza guanti ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. evvai anche il palpeggio in Francia °-0

      Elimina
  5. Come dice Bianca, anche in Francia l'usanza dei guanti non è mai arrivata. Non che la cosa personalmente mi faccia piacere...=P
    E pure qui hanno queste strane rape che usano moltissimo per il "Pot-au-feu". Me le ritrovo sempre e non so come cucinarle, solo che invece che essere a forma di carota sono delle pallette.Si chiamano Navet e céleri, chissà che non c'entrino qualcosa con il Rettich...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao bentornata ^^ adesso faccio un salto da te,non mi dire che ancora chiuso il tuo blog,no no dai :*
      Quella a palletta l´abbiamo anche qua devo imparare il nome e´ l´uso,poi ti faccio sapere^^ magari e´ una cugina lontana del rettich :D

      Elimina
    2. Cappuccina ;-), les navets sono le classiche (per me, eh!) rape da pelare , affettare e cucinare stufate con cubetti di prosciutto o pancetta, il celeri invece è il sedano rapa che - sbucciato e cotto al vapore - puoi ridurre in purè o mangiarlo così a cubettoni con la carne, diventa quasi dolce da cotto . Si sente che a me piacciono? ;-)

      Elimina
  6. Si anche da queste parti c'è qualcosa di simile, una rapa bianca, più grossa, che nell insalate è eccellente :)
    Dancer

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che un altra radice ^^ qui ce ne sono tantissimi...ma che mangiano sti crucchi 0=0

      Elimina
  7. Io vivo ad Asti (Nord Italia) ma non l'ho mai visto, conosco soltanto il ravanello tradizionale, rotondo e rosso.
    Ciao,
    Sue.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io pensavo che al Nord magari lo conoscevate....al Sud nenache ce li fanno arrivare ste cose qua ^^

      Elimina
  8. Non è stao avvistato neanche in Sardegna. Peccato, con tutte quelle proprietà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perchè non lancio un esportazione di massa nel Bel paese.. magari lanci una moda e fai pure tanti soldini!!

      Elimina
    2. @Speranza
      Neanche in Sardegna....mado´ adesso faccio un giveway con un bel mazzo di rettich :P (scherzavooo!)

      Elimina
  9. ciao in Piemonte/Liguria si trova e si chiama rafano oppure radice bianca. Fanno pure una salsa simile alla salsa wasabi. A me non piace nè l'uno nè l'altra
    katia

    RispondiElimina
  10. Ma scusata, si chiama rafano. Usato poco, si, ma è uno degli ortaggi "aetichi", credo si cataloghi cosi'. E' forte, ma una volta capito come (e quanto e dove ) usarlo, ha i suoi usi ed i suoi piatti ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elga io non l´avevo mai visto sta radice cosi´ bianca, figurati in Sicilia tutte le cose arrivano in ritardo ma lo "rafano" non ce l´hanno fatto mai arrivare <:( e per la prima volta l´ho conosciuto in Tedeschia :P

      Elimina
    2. Anche io l'ho usato quasi e solo in Germania /Austria all'epoca... ;-) ora qui vado di wasabi, più facile da trovare. Qui invece ho "scoperto" il panais (pastinaca) , mai usato in Italia ....Paese che vai, cibo che trovi ;-) a quasi quarant'anni ..ehm...

      Elimina
    3. Paese che vai, cibo che trovi,ma sicuramente.!!!!

      Elimina