Usare o non la tessera sanitaria italiana?

Quando trovi un lavoro in Germania spesso e´ la manna dal cielo per quanto riguarda il sistema sanitario perche´ nel tuo portafogli iniseme a mille tessere avrai anche la tessera sanitaria tedesca.
E da questo momento in poi nessuno puo` piu` togliertela.
Poniamo il caso che un bel giorno mi licenziano,io saro` una disoccupata con la tessera sanitaria tedesca. Quando acquisti un grado,non si ritorna piu` indietro. La tessera sanitaria italiana in Germania non ha poi ha tutto questo valore di come viene decantata.
Sono arrivata in Germania nel 2009 con la tessera sanitaria europea (TEAM) ed ogni talvolta che mi recavo dal medico per pescrivere le  medicine era un odissea. Compilare mille fogli,dottore che sbuffa, infermiera che vuole attaccarti,ecc... e poi che succede ?
Succede che vieni agganciata ad una assistenza sanitaria tedesca fittizia che a sua volta verra` rimborsata da quella italiana (almeno si spera). Sono rogne,ma quando ogni mese devi prendere dei farmaci salvavita,non puoi fare altrimenti.
Fino al giorno della mia partenza in Germania mi chiama un amica di Milano, dicendomi che la prima cosa che dovevo fare in Germania era l´iscrizione all` AIRE. No chiedimi tutto,ma questo no!

 -L`iscrizione all`AIRE non e` obbligatorio per gli stranieri che risiedono all` estero, non vieni sanzionata se non lo fai,ma e` meglio che ti scrivi (dicono loro).L`unico neo che in automatico perdi l` assistenza sanitaria italiana .

 Le cose sono andate bene quando necessariamente ho voluto chiedere un sussidio,cosi´ mi davano anche l`assistenza sanitaria tedesca. Sono riuscita ad avere per sei mesi il pacchetto sussidio,poi son sempre tedeschi,hanno cercato il pelo nell´uovo,perche´ gli girano le palle dare sussidi agli stranieri e mi hanno bloccato il tutto.
E` da quel momento in poi  mi sono trovata ad un bivio. Quale tessera do` per andare a prendere i medicinali?
Il primo mese ho dato quella tedesca il secondo l´italiana ed ecco che arriva ieri una letterona  della krankenkasse ( assistenza sanitaria) che io ho un buco di tre mesi chiedendo delucidazioni e fior di quattrini da sborsare.€1000!!!
E che cacchio, mica mi sono rifatta il sedere con l´assistenza sanitaria tedesca, ho preso medicine che mi tengono in vita. Ma che succede? Dietro le quinte?
Dal giorno in cui trovi lavoro e il tuo datore di lavoro ti paga l`ass.sanitaria ed io mi sono trovata  ad essere un caso A e un caso B ora che ci penso anche C.
Caso A
Wanesia non ha l´iscrizione all` Aire,ma l´almeldung nel 2009 . Ha sempre usato la tessera italiana,ha un sussidio e l´assistenza sanitaria tedesca. Il sussidio viene blocccato e la tessera sanitaria anche. Che fa`? Usa la tedesca! No,non vale e` bloccata va in mora.
Usa l´italiana,no non puoi tornare indietro, dei seguire la linea quindi sempre la tedesca,ma non ce´ l`ho e´ stata bloccata!Va in mora!
Caso B
Immaginiamo che Wanesia e` rinco e fa iscrizione all` Aire nel 2009, perde l´assistenza sanitaria italiana in automatico. Per legge ogni cittadino che risiede in Germania deve avere assistenza sanitaria. La tessera ce l´hai solamente se hai un lavoro,ma se uno e` disoccupato e non sa una cippa di tedesco deve prima studiare e quindi? Pagarla da privata,ma come pago un assistenza sanitaria tedesca la minima ammonta a €150 al mese come fo`? Ti senti italiana e procedi con la tua,nella speranza che trovi lavoro subito.Poi un giorno trovi lavoro e´ tutto ok,il capo ti paga l´assistenza sanitaria ed incominciano i controlli. Ma dal 2009 fino al 2012 lei ha un buco  quale tessera sanitaria usava? L`italiana. Deve pagare gli arretrati fino al giorno in cui sei stata assunta.
Caso C (facoltativo)
Quando sono stata assunta ed ho portato i documenti che mi hanno richiesto,mi hanno detto se avevo una tessera sanitaria tedesca, perche´ con quella europea non potevano farmi un contratto. Credo che il caso C e´ un caso a parte solo dei miei datori di lavoro,ma il tutto  mi sembra  un cane che si morde la coda.

Morale della favola in Germania i controlli vengono fatti eccome, se hai una buona conoscenza del tedesco siediti fatti una camomilla e rispondi alle lettere che ti arrivano. Senno` prenditi un buon Patronato come sto facendo io perche´ stavolta la vedo dura.
E voi expat che esperienze avete avuto in merito?

PRINT RECIPE

26 commenti

  1. Duuuunque, a me sembra molto semplice la cosa invece. => devi fare l'iscrizione all'AIRE se ti fermi fissa piú di 90 giorni. Quindi se uno non lavora, puó fare avanti indietro con l'Italia (praticamente o virtualmente, sta a te...) e nessuno puó dirti nulla. Infatti tu la residenza principale ce l'hai ancora in Italia e usi la tessera italiana. Se invece lavori in Germania, prendi la residenza lí, prendi la tessera tedesca e ti annunci all'AIRE... e quindi anche in questo caso non mi sembra ci siano problemi. O no?

    RispondiElimina
  2. P.S.: So che non é semplice se si devono prendere delle medicine ogni mese, ma era per semplificare il concetto generale.

    RispondiElimina
  3. caso1
    Se ti scrivi all´Aire perdi l´assistenza san. italiana,in Italia paghi visite e medicine. Cioe` sei residente in Germania e non sei piu` un cittadino italiano

    caso 2
    Credo che arrivato il momento di scrivermi all´aire sono con le spalle al muro! In questo caso perdo l´italiana ho la tedesca,ma un debito di €3.000 euri. Non poco.

    Te invece come e` andata? Hai ancora la residenza in Italia?

    RispondiElimina
  4. Vabbe io sono arrivata che il lavoro lo iniziato l'indomani stagionale in gelateria..mi sono fatta prima due anni di stagionale poi ero brava che ho fatto ad orari normali e facevo tre lavori uno in gelateria,uno in una clinica , ed a tempo perso in un ristorante tedesco,ed alla fine l'assicurazione me l'aveva fatta il mio datore..quindi diciamo che l'ho sempre avuta Aok finché non mi sono trasferita ..da marito, essendo che il lavoro mio principale clinica ..era andato in fallimento e 400 persone siamo rimaste appiedate..dopo la disoccupazione l'assicurazione me la pagavo io.. 130 150 al mese quindi abbiamo deciso subito di sposarci ed ora risulto casalinga e abbiamo una assicurazione sotto marito ..io e figlioletta..Mi sono iscritta all' aire , ma arrivano solo le votazioni sempre in ritardo..e solo due palle..non serve a nulla..infine l'ufficio di collocamento tedesco..non mi riempe piu di fogli di inutili lavoro..impossibili e poco pagati.. mi ha spiegato un amico come fare..basta andare e dire..io per questo periodo ho questo questo, non ho nessun sussidio da voi..quindi lasciatemi in pace con i vostri fogli..quando Valentina ha tre anni poi penso a cercar qualcosa.. pur se penso sempre che vorrei ricominciare l'università..e che in gastronomia con gli orari mi posso scordare ora ...che ho una bimba.Ciao Wanesia.

    RispondiElimina
  5. Ciao Jenisha quindi anche tu sei stata sommersa dalle carte del Job Center.Mamma mia quante ne mandano!
    Si in effetti se ero gia` sposata con Phelipe non avrei patito tutte queste pene,ma io sono capa tosta e devo sbatterci la testa. Da 7 mesi con il lavoro che ho sono assicurata ,il mio problema e´ il buco che ho alle spalle dal 2009 fino a quando non mi hanno messo in regola.
    E quindi hai perso l` assicurazione italiana?
    Non so perche` ,ma sta cosa qua mi fa entrare nel panico piu` assoluto.

    RispondiElimina
  6. Non capisco quale sia il tuo problema a perdere l'assicurazione italiana se hai quella tedesca... Fregatene. Comunque non hai capito il concetto chiave : all'aire ti devi iscrivere dopo 90 giorni di permanenza quindi se torni in Italia per davvero o per finta i 90 ricominciano. E quindi non capisco dove sei scoperta. Credo che il tuo errore sia stata di tirare in ballo l'assicurazione europea...

    RispondiElimina
  7. Ma no non ho perso l'assicurazione europea..basta far richiesta alla tua assicurazione sanitaria Aok la mia, di una carta extra europea..e te la mandano..ed io ho due carte una per la Germania ed una per quando vado in Italia. Quindi anche se perdi la TEAM puoi far richiesta alla tua assicurazione tedesca Die Europäische Krankenversicherungskarte http://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=559&langId=de :-)) semplice.

    RispondiElimina
  8. @Grissino
    Ma tu le hai tutte e due? vero?Come la maggiorparte degli italiani

    RispondiElimina
  9. @Griss
    E come le prendevo i farmaci in Germania se non avevo l`ass. tedesca, con quella italiana semplice no?
    @Jenisha
    Anch`io ho quella tedesca ed Europea insieme,ma il problema non e` da oggi nel futuro il mio post parla di un fatto che successo prima che mi assumessero. Ho problemi con l`AOK per aver ritirato farmaci con tess.italiana :(

    RispondiElimina
  10. Scrivigli la verità che hai due tessere ..l'Aok anche telefonicamente puoi contattarli..sono abbastanza seri e da 12 anni li ho credimi non la cambierei per nessuno anche se fiscali..Sai che i tedeschi per la burocrazia fanno i perfezionisti..ho imparato una cosa..mai farsi prendere dal panico..ma gentilmente provo di contattare il problema spiegarmi e trovar una soluzione assieme... devi poi far sempre tutto scritto lo saprai...E per non aver rogne sposati:-))Bacione Wanesia e buon fine settimana.

    RispondiElimina
  11. ..adesso ho capito.. basta scrivergli che hai usufruito della tua tessera italiana mentre non avevi un lavoro fisso e non eri assicurata...ed avevi bisogno dei farmaci per questioni di salute ed usufruito della tua tessera italiana in attesa di essere assicurata. Credimi... basta scrivergli due sciocchezze te lasciano in pace:-))

    RispondiElimina
  12. Arrivo solo adesso e forse mi sono persa un passaggio: haiusatola tessera italiana per ritirare farmaci in Germania mentre ancora non eri iscritta Aire. Ma se te li hanno dati in famacia crucca perchè vengono adesso a chiederti il rimborso ? Vero che l'iscrizione AIRE è un obbligo, ma se non avevi redditi allora inutile rimanere scoperta.

    RispondiElimina
  13. Ciao Wanesia,
    che situazione complicata!Iscriversi all'Aire é obbligatorio?! Io conosco italiani che sono qui da anni e anni e ancora non sono iscritti, possibilmente é quello che faró anch'io :-P
    Io mi trovo qui solo da 5 mesi, ma ho avuto teriiiibbili esperienze con l'AOK. Appena arrivati (io e il consorte) ci siamo subito iscritti, dato che lui aveva un lavoro in regola.
    Ma il suo lavoro era presso un negozietto italiano e, ahimé, era prevedibile che la collaborazione non avesse buon esito. Quindi, dopo solo un mese, é ricominciata l'Odissea. Abbiamo traslocato dal tristissimo Hessen al meraviglioso (almeno per me) NRW. A quel punto il maritino é stato assunto da un ristorante (italiano), siamo andati all'Aok di qui, convinti che il trasferimento fosse automatico...NOSSIGNORE! In realtá le agenzie dei vari Bundesländer non sono collegate, per cui abbiamo dovuto consegnare nuovamente tutti i documenti (compreso il certificato di matrimonio, naturalmente originale, come se fosse facile farselo spedire dagli efficientissimi comuni italiani). I documenti peró erano scritti in italiano (ma dai, ve lo sareste mai immaginati?), ergo i teutonici impiegati asserivano di non comprenderne una cippa. Mille peripezie per convincerli ad accettarli comunque. La prima volta ho consegnato il suddetto certificato a mano, l'hanno perso. Gliel'ho inviato per email, non se lo sono ritrovato. Mi hanno mandato una lettera dicendo di spedirglielo, l'ho fatto, ma l'hanno smarrito nuovamente. Allora, con i nervi a fior di pelle, ma simulando una calma tipica crucca, l'ho nuovamente consegnato a mano. Stavolta, per LORO fortuna, non é andato perduto.
    Tuttavia, le carte non arrivano. Passano due mesi, fra telefonate minatorie e visite di sollecito (completamente inutili). Finché, durante l'ennesima visita, non troviamo finalmente un'impiegata che si guadagna lo stipendio e scopriamo che la nostra pratica non era neppure stata immessa nel sistema. @_@ Rabbiosi oltre ogni dire, lasciamo pazientemente che la signorina risolva in 5 minuti un problema che ci trascinavamo dietro da mesi. Dopo una settimana arriva LA carta, si, esatto, solo una carta, quella di mio marito. Io, a quanto pare, non sum digna...
    Per concludere il trattato, il ristorante dove lavorava il consorte ha chiuso e adesso siamo entrambi impiegati in nero presso l'ennesimo ristorante italiano. Temo che prim o poi anche a noi arriveranno gli arretrati da pagare...rabbrividisco al pensiero.
    Comunque non impanicarti, il Patronato ti saprá consigliare al meglio, in fondo non é che puoi rinunciare ai farmaci salvavita solo perché la tua salute non viaggia ai ritmi della burocrazia tedesca! Ma che roba...

    RispondiElimina
  14. @Elga
    "Vero che l'iscrizione AIRE è un obbligo, ma se non avevi redditi allora inutile rimanere scoperta. "
    Colto in pieno come sempre :D non avevo redditi e non volevo perdere la mia carta italiana, senno` ero fregata nel vero senzo della parola!

    RispondiElimina
  15. @lilith86
    Ciao, grazie per essere passata e lasciato la tua testimonianza. Ancora una volta rabbrividisco solo al pensiero. Ci sono due tipi di italiani quelli che passano in automatico dall` Italia nelle aziaende che hanno tutto indolore. E quelli che fanno gli operai in Germania che passano le pene dell´inferno per quanto riguarda la burocrazia tedesca.
    Una domanda mi e´ lecita cara lilith attualmente tu sei solo con la tessera sanitaria italiana se ho capito bene!

    Tipico dei tedeschi perdere le cose degli auslander!!! Pero` quando ce` un servizio alla spalle tipo Patronato o Caritas tremano. Sempre se hai una buona dose di fortuna di trovare persone che si guadagnano lo stipendio lavorando bene.
    Viel Glück!

    RispondiElimina
  16. Si cara, ho solo la TEAM al momento. Per mia fortuna ho fatto scorta di medicine dal mio medico italiano che per queste cose é, come dire, elastico :-D
    Ma si, é cosí: se si accorgono che sei straniero, sia di persona che al telefono, ti prendono letteralmente per i fondelli. Se invece l'interlocutore é loro connazionale diventano improvvisamente collaborativi. Non é divertente, ma non voglio giudicarli della serie : crucchi cattivi, ausländer buoni :-)
    Spero che tu risolva al piú presto il tuo problema!Buona fortuna anche a te!

    RispondiElimina
  17. @lilith86
    Un po` come facevo io i primi tempi quando andavo giu`in Italia.
    Mah...speriamo bene per entranbi^^

    RispondiElimina
  18. non capisco cosa intendi per "pelo nell´uovo" per quanto riguarda l´interruzione del sussidio ma a giudicare da tutti i casini che hai combinato mi sembri una tipa che sa il fatto suo e come tanti altri connazionali "furboni" voleva farsi le vacanze a berlino a spese di chi in nord europa proiduce e paga tasse per la marmaglia fannullona mediterranea.

    RispondiElimina
  19. @anonimo
    Ciao, innanzitutto io non abito a Berlino ,ma a Monaco di Baviera.Non ho mai fatto la furbonama sono dritte che mi ha dato un impiegata tedesca per ottenere un sussidio. Se non altro non ho tolto soldi a te ,io ho sempre lavorato e pagato le tasse qui in Germania.Magari sei tu che non paghi le tasse in Italia e mi vieni a fare la romanzina a me.
    Pago liberamente persino €12 al mese alla chiesa e tu?

    RispondiElimina
  20. Ciao Wanesia,
    io mi trovo in una situazione simile alla tua adesso,
    com'è andata a finire la tua storia? A quale patronato ti sei rivolta?

    Tom

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tom i miei problemi adesso sono finiti.Ci voleva solo un matrimonio che mettesse tutto a posto.A parte gli scherzi sei mesi fa´ mi sono sposata e quindi se continuo con il lavoro ho la mia assistenza sanitaria se un giorno dovessero licenziarmi mi aggancio a quello del marito
      Semplice! A saperlo prima!!!!!
      Qui a Monaco ci sono Patronato INCA-CGIL cerca su google avrai tante indicazioni.
      Abiti a Monaco anche tu?

      Elimina
  21. Scusate sono 4mesi che ho fatto domanda per la tessera aok ma ancora nn l ho ricevuta.ho un contratto di hausehelfer e per quanto ne so sono già assicurata ma ancora la carta nn si fa vedere.sapete dirmi quale può essere il problema??grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,scusa se ti rispondo con un pò di ritardo,ma sono in vacanza :))
      Non ho chiaro una cosa da quello che scrivi.
      Il tuo lavoro di Haushilfe è un Nebenjob? >>in questo caso non sei assicurato con la sanità tedesca!
      Se sei un Teilzeit o un Voll in questo caso non devi assolutamente fare richiesta tu all´ AOK o qualunque altra, perchè è il tuo datore di lavoro che paga la cassa malattia.
      Quando hai dato i documenti quale N° di tessera sanitaria hai dato?
      Aspetto tue

      Elimina
  22. Salve Ragazzi, ho un problemuccio...se si può definire così, sono in Germania dal 2012 per motivi di studio, per fare l'iscrizione all'università mi venne richiesto di presentare una tessere sanitaria e sono andato da AOK Per farla, dopo aver Controllato la mia tessera sanitaria mi dissero che nn ho bisogno di fare un'ulteriore associazione mi diedero un attestato di esenzione (nicht Versicherungspflichtet). Ieri ho ricevuto una lettera nella quale mi viene chiesto di pagare arretrati di 3000€ malgrado nn abbia mai usato una tessera sanitaria tedesca in sia reggistratoall aire
    Vi prego qualcuno può aiutarmi?!?!? Che Cavolo posso fare?

    Ps: in 3 anni sono stato dal medico 2 volte ed in entrambi i casi ho dovuto compilare una marea di documenti visto che AOK diceva che nn ero assicurato con loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Abdoul hai quindi una tessera sanitaria europea che ti ha permesso di non farne una tedesca? €3000 per esserci stato 2 volte dal medico? Scusa ma che medicine hai preso per nquesta cifra?
      In ogni caso ti conviene chiamare al numero verde del AOK e spiegare il tutto.
      Spero che risolvi- Non entra AIRE, qui e´ solo questione tra la tua carta Europea che si e´ appoggiata ad un assicurazione fittizia in questo caso AOK
      wanesia

      Elimina
    2. Quando sono stato da loro nel 2013 dopo aver verificato la mia tessera mi dissero che sono assicurato e che nn ho bisogno di quella tedesca, Il fatto è che le due volte che sono stato dal medico quanto la segretaria del medico li ha chiamati loro hanno risposto dicendo che nn ero assicurato da loro quindi ho dovuto compilare dei documenti con i dati della mia tessera. Le medicine le ho pagate di tasca mia visto che era per influenza.
      Attualmente ho la tessera sanitaria normale quella italiana.
      Secondo te è possibile fare la richiesta del e104 che attesti che sia stato assicurato dal 2013 fino ad adesso?!? Ho ancora la residenza in Italia.

      Elimina

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

© WANESIAMaira Gall