31 gennaio 2013

TotoSì o Totono

"Io cambio lavoro come cambiano le stagioni".Questa frase non è mia,l´ho sentita una volta in un film,non ricordo quale e mi piacque molto sembrava che me l´abbiano cucito addosso.
Questa rubrica "lavoro" non vuole offendere nessuno,nè tantomeno offendere i tedeschi,ma è solamente un modo con cui io faccio ironia su quello che mi è successo in Germania nel campo del lavoro (gastronomia).
Cosa mi è successo oggi? Continua a leggere.

Mi sono goduta a malapena un fine settimana e la mia ansia e´ salita quando non potevo piu` controllare a distanza il mio posto di lavoro,ho incominciato ad avere sensi di colpa di cosa poi non saprei perche´ sono stati loro a trattarmi male. Il mio stomaco e´ chiuso e contorto,neanche il mega muffin al triplo cioccolato che il mio ammore mi ha comprato sono riuscita a mangiare,
ho perso un altro paio di chili e il cuore fibrilla ogni volta che la mia mente se ne va la´ dentro quelle mura di quel locale.
 E quando il silenzio e´ salito dopo l´ultimo messaggio inviato alla collega senza ricevere risposta sono andata in tilt. Si sta avvicinando un altro fine settimana ed io ho vissuto questi giorni nell´attesa di una chiamata di una mossa.
Quando ho iniziato questo lavoro devo ammetterlo non è stato facile, i primi tre mesi sono stati una lotta sia al lavoro che a casa. Ma ora che mi ero integrata guardando indietro, non riesco piu` a stare a casa.A fare cosa? A cucinare un goulash che ci vogliono due ore abbondandi  o a stirare guardando idiozie in televisione?
 Mille pensieri nella mia testa persino la voglia di rinventarmi tutta la vita da capo. Sono arrivata al punto di pensare di rientrare al lavoro,cambiare atteggiamento  assolvere tre quarti del lavoro fammi licenziare e fare richiesta per iniziare una scuola di aiuto infermiera nelle case di riposo.
Detta all´italiana suona male,ma adoro diventare una Krankenpflegehilfe in Altenheim.Adoro la divisa bianca. L´importante e´non avere paura di fallire,andare avanti in fretta in modo da non perdere lo slancio e ripartire di nuovo.
Fa bene prendersi una pausa?
Mi sento in un limbo, come un cane rabbioso che si morde la coda e capisco che da casa non ne usciro´ da questa storia.
Si ho bisogno di perdere questo posto di lavoro,mi date del matto forse sono troppi caffe´,ma quando ti sale l´ansia a rientrare nel tuo lavoro, dove hai passato un anno intero dove hai lavorato anche fin troppo, dove per colpa di un qualche persona che ti tratta male e ti snobba solo perche´ non sei nata sotto un cavolo ed avevi una manciata  di wurstel in mano non e´ il massimo.

Ed ecco che ieri ho preso due fogli  e scritto di getto i pro e i contro,ed  e´ davvero teraupetico come dicono.
e come per alcuni blog di amiche dove inizia il totosesso del  nascituro qui in questo blog inizia il  TotoSì o Totono.Dite la vostra . Cosa fareste al mio posto??!!!?



9 commenti:

  1. se puoi permettertelo econonicamente LASCIA IL LAVORO baci sandra frollini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Urca!
      Non sai quanto mi scalda il cuore altri punti di vista,perche´ alla fine mi rovello0 senza saper poi alla fine che pesci prendere0-=

      Elimina
  2. Ciao, sono mancata un po' dal tuo blog quindi non ho ben capito la situazione. Però sono d'accordo: se puoi per un periodo lasciare il lavoro, fallo ed entra in formazione.
    1. fai qualcosa che ti piace
    2. a fine percorso formativo, di lavoro ne trovi sempre e comunque
    3. impari un tedesco diverso da quello del settore gastronomico (ti cambia molto la quotidianità spaziare su temi nuovi, avrei una visione diversa della tua attuale situazione)
    4. sono sicura che esistono forme di sovvenzione per studenti durante il periodo di studio, informati bene presso la scuola dove vorresti iscriverti

    Direi che sapendo già cosa ti piacerebbe fare, hai già mezzo diploma in tasca. ;-)
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mI entusiasmerebbe molto cambiare totalmente....grazie^^

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Avrei un sacco di cose da dirti in merito al cambiamento,ma oggi sono anch' io in giornata no. Penso che la risposta sia giá dentro di te. Puoi contare su una persona che ti ama, e sará al tuo fianco. Lavorare con gli anziani é bellissimo,credimi. Quindi fai la tua scelta a cuor leggero. Non nasconderti dietro delle scuse. Baci

    RispondiElimina
  5. Ciao.
    Anche io ho perso di vista la tua storia.

    Egoisticamente parlando potresti: stare a casa (pagata?), ma nel frattempo attivarti per info sulla scuola infermiera (o quant'altro ti piacerebbe fare, magari in un settore diverso).
    Sicuramente non a "grattarti la pancia"
    Quando hai predisposto ed organizzato il tutto, lascia il posto e buttati nella nuova avventura.

    Baci

    ~b

    PS: Che proprio oggi ha letto una mail da un collega tedesco che chiedeva perche' si ricevono info "locali" in inglese e non nella SUA madrelingua. La sottoscritta ha fatto notare che lavoriamo in una _multinazionale_ e ha aggiunto un "scusa se non parlo tedesco, pur vivendo qua"

    RispondiElimina
  6. mmh mi sa che mi son persa pure io un pezzo (forse era nel pezzo privato di qualche post fa, e temo che la tua email sia finita nello spam perche' non la trovo), comunque ti direi che per quello che ti conosco, mi sembri una persona creativa che si nutre di cambiamento e quindi secondo me una ventata dd'aria fresca non ci starebbe male. Pero' sai tu i cuor tuo cosa e' meglio fare!

    RispondiElimina
  7. ciao sono oss e ti assicuro che è meglio lavorare in un ristorante. Fare l'oss al ricovero è deprimente e pesante fisicamente. Non è un lavoro adatto a tutte
    silvia

    RispondiElimina

Instagram

Pinterest