Self-reflection

 In questo periodo che sono stata a casa ho avuto la possibilita` di avere molto tempo a disposizione tanto a volte di annoiarmi e di ripensare a tutto quello che accaduto. Credo che malgrado io mi lamenti sempre del poco tempo che ho a disposizione e` sempre meglio al mattino alzarsi con la sveglia che suona all´alba ed avere una certezza per l´inizio di un nuovo giorno dove corri a tremila e poi al ritorno dal lavoro devi pure cucinare,passare l´aspirapolvere,lavare i panni, e con il fiato corto stirare magari solo quello che ti serve per il giorno successivo.
Sono stata accusata anche di essere una persona che mi lamento sempre qualsiasi lavoro io faccia,e chi non lo fa`? Non credo assolutamente dato il periodo di crisi che state attraversando in Italia siete felici di andare a lavorare o disgraziatamente se qualcuno e´ oggetto di mobbing di essere cosi´ masochista di subire mobbing pur di non perdere il lavoro.
Mi spiace gente io non sono cosi`,quello che vorrei spiegare in poche righe e´ che io mi trovo in Germania dove tutti la elogiano perche´ qui sembra che ci siano soldi e lavoro a volonta` per tutti,ma sono gli stessi tedeschi che appena sentono Italia/italiani storcono il naso per tutte le macagne a cui sono abituati a sentire dai media.Allora se loro sono cosi` precisi perche` non mettono in atto tutta questa precisione anche nel campo lavorativo?

Discrimare le persone non e` mai stata una cosa bella e se in Italia passiamo sopra anche in questo, qui e` un reato.

L´altro giorno sono stata al mio ex lavoro dovevo consegnare ancora la mia uniforme e sapete cosa ho trovato? Ho trovato il locale chiuso. Ho trovato un annuncio che apriranno con una nuova gestione.Si rifanno il look per l´ennesima volta. Ho chiamato il manager dicendo che passero` la prossima settimana per consegnare il tutto, e mi ha detto che ormai del vecchio personale non ce` piu` nesssuno.

Quindi alla fine essere un tantino intelligenti guardare al di la` del proprio naso  fa bene,perche´ farmi carico di giornate di nervosismo quando alla fine sia io che gli altri abbiamo avuto la stessa porzione di torta? L´unica differenza che io sono rimasta in casa e le mie colleghe hanno dovuto sopportare lo stress psicologico.

Quando una cosa non funziona piu` sono del parere che dopo una sola chance e` meglio chiudere per meglio ricominciare. Ti puoi incazzare per come vanno le cose. Puoi maledire il fato, ma quando arrivi alla fine non resta che mollare.Per quello che vale, non è mai troppo tardi, o  troppo presto, per essere quello che voglio essere. Non c'è limite di tempo, puoi cambiare o rimanere come sei, non esiste una regola in questo.
PRINT RECIPE

23 commenti

  1. Ciao! E' un millennio che non ti commento! Mi dispiace che abbia avuto tutti quei problemi. Hai tanto corraggio e forza per ricominciare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ,si ricomincia da dove si ha lasciato senza troppi rimpianti alla fine

      Elimina
  2. Dai, allora il licenziamento in realtá era una chiusura di locale. :o Vabbé, cosí non hai proprio niente di cui rimproverarti o da rimpiangere!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potevano evitarsi di fare tutta questa commedia.Purtroppo parlare oscuramente lo sa fare ognuno, ma chiaro pochissimi.Questo e` tutto quello che successo in quel posto.

      Elimina
  3. Se non vuoi che la gente ti critica, perché hai un blog?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una bella domanda anonimo.
      Che risposta vuoi che ti dia.....!!!!
      8-)

      Elimina
  4. Risposte
    1. Non mi piace questa attesa,ma so anch io che tutto verrá da se.

      Elimina
  5. Sono passata anni fa attraverso una situazione simile e pertanto credo di capirti molto bene. Un grosso abbraccio!

    RispondiElimina
  6. ALLUCINANTE! quello che scrivi, ma soprattutto COME lo scrivi.

    RispondiElimina
  7. Ancora tu ,ma non dovevamo vederci piú!
    Purtroppo piû imparo il tedesco e piû dimentico l italiano,ma tu dalla Svizzera qualche parolina dolce potresti spendere anzicché sputare sempre veleno.
    Bis bald

    RispondiElimina
    Risposte
    1. é che, credimi, non riescono a farne ameno. mi chiedo come sia possibile che persone che dovrebbero essere istruite non riescano a scrivere due frasi corrette di fila

      Elimina
    2. Oh Männer!Non riescono chi?
      Commentami ancora così aumenta l'audience

      Elimina
    3. Ti commento quanto vuoi e se ti aumenta l'audience mi fa pure piacere.
      le persone istruite dovrebbero almeno riuscire a scrivere una frase di senso compiuto con tutti i tempi e i modi verbali del caso. e tu dovresti essere istruita,no?

      Elimina
    4. Il tuo anonimato é illusorio. Ogni commento elettronico lascia la sua traccia.
      Anzicché fare la saputella dietro uno schermo,perché non ti firmi.Almeno so a chi rivolgermi per un corso d'italiano on line.
      Questo é l' ultimo commento che ti dedico,dopodicché ti lascio nel tuo brodo non perdo tempo con te.
      Adios

      Elimina
    5. allora quando vuoi iniziamo!

      Elimina
  8. Ciao Wanesia, trovo tu abbia perfettamente ragione! Dopo più di tre anni e mezzo passati a fare un lavoro che non mi piaceva in una ditta insopportabile ho deciso di mollare tutto e ricominciare.
    Il mio precedente lavoro era iniziato su buoni auspici, avevano persino assunto una prof che due volte a settimana mi dava lezioni di tedesco. Purtroppo poi hanno deciso di assumere un personaggio (in una posizione di grande responsabilità) che si è rivelato la cosa più disatrosa che ci potesse capitare. Ricordo ancora conversazioni agghiaccianti in cui mi chiedeva di decidere di chi sbarazzarci perché, a suo dire, si poteva ancora ridurre il personale proprio nel momento in cui gli avevo ben fatto presente il numero di ore di straordinario che il mio gruppo era costretto a fare... Ho resistito e lottato a lungo, ma ad un certo punto ho deciso che ne avevo abbastanza. Non posso lavorare con certi personaggi, il lavoro è una cosa importante che va svolta con dignità e nel rispetto delle persone. Perciò ho dato le dimissioni e ho ufficialmente mandato a quel paese il mio capo, con tanto di lamentela per il suo operato presentata all'ufficio del personale e confermata da diversi colleghi. Non so se questo farà aprire gli occhi al consiglio di amministrazione, ma io mi sento decisamente più in pace con me stessa! Adesso comicia una nuova vita, cialtroni ne incontrerò sicuramente ancora, ma non ho di certo l'intenzione di lasciarli fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Manuela per esserti raccontata, diciamo che la fase critica va svanendo. Ho attraversato la prima settimana in casa, assumendomi colpe che in fondo non avevo e mi maledivo perche` non avevo stretto i denti ancor di piu`.
      Adesso va decisamente meglio,purtroppo non posso muovermi perche´ devo aspettare la data del licenziamento per poter cercare un nuovo lavoro e fare nel frattempo richiesta di disoccupazione con annessa scuola ^^....pero` mi sento molto rilassata.
      Quest´anno intero in questo lavoro e` stato deleterio dal punto di vista mentale.
      Ritornavo a casa sfinita mentalmente piu` che fisicamente!

      Elimina
  9. L'importante è che tu ti senta già meglio, non dobbiamo lasciarci sfinire dal lavoro ma trovare qualcosa che possa farci sentire realizzati. Il famoso "lavorare per vivere" e non viceversa.
    In bocca al lupo per la ricerca (appena potrai iniziarla) e magari ci vedremo a Monaco. E' lì che ho deciso di iniziare la mia nuova avventura!

    RispondiElimina

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

© WANESIAMaira Gall