Colloquio di lavoro#4


"Io cambio lavoro come cambiano le stagioni".Questa frase non è mia,l´ho sentita una volta in un film,non ricordo quale e mi piacque molto sembrava che me l´abbiano cucito addosso.
Questa rubrica "lavoro" non vuole offendere nessuno,nè tantomeno offendere i tedeschi,ma è solamente un modo con cui io faccio ironia su quello che mi è successo in Germania nel campo del lavoro (gastronomia).
Cosa mi è successo oggi? Continua a leggere.

È da tanto tempo che non vi delizio con i miei accaduti sul mondo lavoro. Il fatto che io non ve ne parli più non deduce  che io abbia messo la testa a posto e che ho un lavoro che adoro.
Perchè nonostante io sono fissa o fessa (fate voi) da 4 anni in questo posto la mattina prima di recarmi al lavoro cerco sempre tra gli annunci di lavoro se c´è un bel colpo di fortuna.
E tra milioni credevo di aver trovato ciò che piaceva a me.
Lavorare nelle mense degli ospedali. Così mi candido,e dopo due giorni mi arriva la chiamata e fissiamo il colloquio.
Erano tanti anni che ormai non  facevo un colloquio e la tensione si è fatta sentire per tutta la mattinata.
Erano in coppia,due che dovevano farmi domande e capire se andavo bene per il loro lavoro.

-Signora Wanesia allora ci racconti dei suoi lavori.
-Sono insoddisfatta sono stanca ed esaurita e non vado daccordo con i miei colleghi così ho deciso di cambiare lavoro e  anche tipologia. Suvvia state tranquilli non ho detto la verità,ma solamente ho raccontato loro quello che facevo attualmente e la mia esperientza sul campo delle mense e un bla bla bla e sorrisi di convenienza.
-Ho visto il suo curriculum,ho visto le foto di quello che fa,il sito internet,ma lei sa cucinare?
-Si certo io cucino a casa mia,ma non mi permetterei mai di dire che sono una cuoca e che potrei cucinare per i pazienti,inoltre non so cucinare tedesco.
-Peccato!
-Mi scusi ma nell´annuncio non c´era scritto che cercavate una cuoca.(dico io)
-Ma quale annuncio ha letto?
-Sei un bastardo e vigliacco lo-sai che stai barando,non so cosa ti ha fatto cambiare idea. Ed invece mi sono limitata a dire solamente da dove avevo letto l´annuncio anche se sapevo che già da lì che potevo alzarmi ed andarmene.
-Nella nostra clinica cuciniamo anche italiano:pasta alla bolognese, pasta Alfredo, lasagna, risotto, pizza, saltinbocca,ma anche greco,orientale e sopratutto  tedesco.
-Non ho detto nulla,ho solo fatto una smorfia alzando gli occhi per dire ci credo poco,mi sono alzata salutati e andata via.
«La differenza tra le persone sta solo nel loro avere maggiore o minore accesso alla conoscenza» (Lev Tolstoj)
In questi anni ho visto cuochi tedeschi che si cimentavano nelle ricette italiane,ma sempre con scarsi risultati. Creano degli orrori culinari che farebbero innorridire Gualtero Marchesi. In dieci anni che sono in Germania non ho mai capito il perchè di questi menù pieni di pietanze internazionali e fatti male per giunta.
Personalmente la cucina tedesca a me non piace (ma è solo una questione di gusto),ma penso che ha una serie di piatti poveri che hanno un suo valore tradizionale.  Allora perchè questi cuochi si ostentano a cucinare pietanze che non sanno fare?
Ieri mi frullavano tante cose  in testa,ma mi sono limitata ad ascoltare le loro idiozie annuendo e rendendomi conto che un colloquio di lavoro può saltare anche in 3 minuti. Dipende da quello che trasmetti,da come si imposta una discussione anzicchè un altra,dal tuo modo di esporti.
Devi trovarti nel posto giusto, al momento giusto. Questo fa sempre la differenza!

Vi abbraccio tutti!

PRINT RECIPE

Nessun commento

Posta un commento

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

© WANESIAMaira Gall